Studio Elias

Laboratorio di architettura rurale sul Carso

"Ogni arte ha, com'è naturale, un "duende"* di modo e forma diversi, ma tutte congiungono le loro radici in un punto …, materia ultima e fondamento comune incontrollabile e folgorato del legno, del suono, della tela e del vocabolo.
Suoni neri dietro ai quali stanno in tenera intimità i vulcani, le formiche, gli zaffiri, e la grande notte, stringendosi la cintura con la Via lattea.
Signore e signori, ho innalzato tre archi e con mano incerta vi ho messo la musa, l'angelo, e il "duende"*.
La musa resta tranquilla: può avere la tunica a piccole pieghe o gli occhi di vacca che guardano verso Pompei o il nasone a quattro lati con cui il suo amico Piacasso l'ha dipinta.
L'angelo può agitare i capelli di Antonello da Messina, la tunica di Lippi e il violino di Masolino o di Rousseau.
Il "duende"... Dov'è il "duende"? Attraverso l'arco vuoto entra un'aria mentale che soffia con insistenza sulle teste dei morti, in cerca di nuovi paesaggi e di accenti ignorati; un'aria con odore di saliva di bimbo, di erba calpestata e velo di medusa che annuncia il costante battesimo delle cose create da poco."

F. García Lorca: Teoria e prassi del duende

* Nota dell'autore: Con il termine spagnolo "duende" Lorca si riferisce al daimon (δαιμου) socratico: "Il "duende" del quale parlo, oscuro e folgorato, discende da quel allegrissimo demonio di Socrate."



L’ambiente abitativo tradizionale è caratterizzato da un gusto particolare, da un sapore che è il risultato della cura per i dettagli dalla progettazione alla realizzazione dei complementi d’arredo. Questo sapore è l’elemento che attira l’occhio più curioso ed esigente verso i manufatti tradizionali, verso prodotti caratterizzati da una qualità che gli artigiani di un tempo sapevano come creare, e che la produzione industriale contemporanea non è in grado né di imitare né di sostituire.Visto che mai fino ad ora, e' esistito quel enorme divario,(visibile agli occhi di tutti) tra chi progetta case,e chi le realizza,abbiamo pensato di riunire queste due facolta' al fine di recuperare in bellezza.

Questa qualità è l’elemento che ci ha spinti a intraprendere la ricerca di quei valori che si era soliti trovare in un ambiente tradizionale (come nei nostri luoghi la tipica casa carsica). Per questo, armati di curiosità, abbiamo iniziato un lungo approfondimento in diversi campi del sapere (etnologia,architettura, antropologia, storia dell’arte, mitologia) e una sperimentazione diretta condotta su materiali diversi.

Il risultato di tale lavoro è “Elias Art and Crafts Studio”, che oggi opera nel campo dell’architettura tradizionale sia a uso pubblico (chiese, complementi d’arredo urbano), sia privato (progettazione e restauro di case rurali, mobili e complementi d’arredo tradizionali), dedicando un interesse particolare alla progettazione e realizzazione di elementi costruttivi in pietra e legno (vedi foto).